Home Modena In un video il Capodanno di Modena città creativa Unesco

In un video il Capodanno di Modena città creativa Unesco

Espressione di Modena città creativa Unesco per le media arts, la festa modenese per il Capodanno 2023, che ha unito il mito, l’arte e le nuove tecnologie, è raccontata in due brevi video già visibili sul canale Youtube di Visitmodena (www.youtube.com/@visit.modena) e sul sito di Modena futura creativa (www.modenafuturacreativa.it) e, a giorni, anche sul sito della Commissione nazionale italiana per l’Unesco (www.unesco.it/it) portando così al di fuori del territorio le immagini di piazza Grande, del Duomo e della Ghirlandina protagonisti delle suggestive installazioni multimediali che hanno animato per tre giorni la città.

Ispirata alle parole di Giacomo Leopardi “Interminati spazi e sovrumani silenzi”, tratte dall’Infinito, la festa cittadina per l’arrivo del 2023 è stata promossa dal Comune di Modena con il contributo di Fondazione di Modena, mentre il programma artistico è stato ideato e curato dal direttore di Ater Fondazione Roberto De Lellis.

Seguendo il filo conduttore del cambiamento climatico, il programma si è incentrato su due installazioni digitali il mito di Fetonte raccontato sulla parete del Duomo che affaccia su piazza Grande, protagonista assoluto di uno dei due video, e “Un mondo diverso”, l’installazione immersiva in piazza Torre, ai piedi della Ghirlandina. A completare le iniziative, raccontate nella versione più lunga del video, lo spettacolo di danza aerea “Clairière Urbaine”, della compagnia francese Retouramont, pioniera della danza verticale, i cui ballerini hanno danzato nell’aria, davanti al Palazzo Comunale, e sulle pareti del palazzo della banca Unicredit. Lo spettacolo è stato reso possibile grazie alla collaborazione di UniCredit, che ha messo a disposizione il proprio palazzo, e dell’Arcidiocesi di Modena e Nonantola.

Ora in onda:
________________
Articolo precedenteCaffè, Fipe-Confcommercio Modena: “aumenti del 9,4% e non del 20%”
Articolo successivoTra pietre d’inciampo e cimitero ebraico: Scandiano celebra il Giorno della Memoria