Home Appuntamenti Inizia con Antonio Canova la Danza al Comunale di Carpi

Inizia con Antonio Canova la Danza al Comunale di Carpi

Dopo la prosa e i concerti, sabato 26 novembre prende il via anche la stagione di danza del Teatro Comunale: protagonisti saranno i ballerini della “RBR Dance Company – Illusionisti della Danza”, che porteranno sul palcoscenico carpigiano “Canova svelato”, omaggio allo scultore veneto nel bicentenario della morte.

La Compagnia veronese RBR, da anni impegnata in progetti artistici volti a sensibilizzare sul rispetto dell’ambiente, con questa nuova creazione ispirata ad Antonio Canova, propone una originale interpretazione delle opere del massimo esponente del Neoclassicismo in scultura.

Spiega la compagnia: «lo spettatore potrà assistere ad una vera e propria traslazione: le opere d’arte del “Maestro” di Possagno prenderanno forma nel mondo contemporaneo. Canova sarà la “guida” di questo viaggio scenico, il lume che indicherà il passaggio, la voce di profezie in un’ esperienza danzante visionaria».

 

La regia di “Canova svelato” è di Cristiano Fagioli, che con Cristina Ledri firma anche le coreografie interpretate da sette danzatori; le musiche originali sono di Diego Todesco, i costumi di Raffaele Diligente.

Inizio spettacolo alle ore 21 (come sempre il teatro apre mezz’ora prima, quindi la Direzione invita gli spettatori a non arrivare all’ultimo momento, se si vogliono evitare code all’ingresso).

Informazioni e biglietteria: InCarpi (Sala ex-Poste di Palazzo dei Pio piazza Martiri, 64; incarpi@comune.carpi.mo.it Tel. e WhatsApp 059649255); oltre ai singoli biglietti per tutte le date della stagione, è ancora possibile acquistare “abbonamenti liberi”, la nuova formula che prevede un “carnet” di almeno cinque biglietti, a sconto crescente e senza diritti di prevendita.

Gli spettacoli del Comunale sono anche acquistabili su www.vivaticket.com.

 

Ora in onda:
________________
Articolo precedenteDonne, a Maranello un reading da Garcia Marquez
Articolo successivoMondiali pesi a Bogotà, Magistris e Massidda “Obiettivo Parigi”