Home Ambiente A Castelnovo Sotto in arrivo le telecamere contro gli abbandoni dei rifiuti

A Castelnovo Sotto in arrivo le telecamere contro gli abbandoni dei rifiuti

Il sindaco Monica: “Le sanzioni non sono l’unica strada. Continueremo con i percorsi di informazione ed educazione, per evitare questo dannoso malcostume”

Installare un sistema di videosorveglianza misto: fisso e mobile, per contrastare e sanzionare coloro che abbandonano i rifiuti, continuare a promuovere politiche di educazione alla corretta differenziazione e insistere con azioni di informazioni sui presidi e servizi presenti sul territorio. Questi i tre punti contenuti in una mozione del Gruppo Castelnovo democratica e approvati nella seduta del Consiglio comunale di mercoledì sera.

Il documento origina dall’aumento delle segnalazioni di abbandoni, soprattutto nelle vicinanze dei punti di conferimento rifiuti. Fatto questo che “danneggia l’ambiente, il contesto sociale e la qualità della vita sia urbana, che nelle frazioni”, si legge nella mozione della maggioranza, che ricorda anche, d’altro canto, l’alta percentuale di raccolta differenziata a Castelnovo Sotto (83.25%) e le tante iniziative messe in campo per evitare comportamenti scorretti.

“L’obiettivo primario è proseguire nei percorsi di informazione ed educazione rivolti alla cittadinanza – spiega il sindaco Francesco Monica – Le sanzioni non sono il solo e unico rimedio, ma devono essere inserite in un percorso di crescita collettivo volto a risolvere il problema degli abbandoni dei rifiuti: un malcostume dannoso per l’ambiente e decoro urbano. Siamo riusciti a mettere fine, attraverso controlli e sanzioni, ad alcuni casi cronici, ma non basata. – prosegue il primo cittadino – Abbiamo già stanziato le risorse necessarie per avere videocamere, sia fisse che mobili, e stiamo andando avanti con le procedure d’acquisto. In parallelo continueremo nella nostra politica di educazione al rispetto dell’ambiente e sensibilizzazione al decoro urbano”.

Ora in onda:
________________
Articolo precedenteModena, facciamo sparire la Sclerosi Multipla con un sacchetto di mele
Articolo successivoCentro musica, sabato in concerto i sound designer di “Exodus”