Home Ambiente Bomporto e Bastiglia: in arrivo i kit per la nuova differenziata

Bomporto e Bastiglia: in arrivo i kit per la nuova differenziata

A partire dal 6 giugno, a Bomporto e Bastiglia è iniziata la distribuzione alle famiglie e alle attività produttive di una fornitura di nuovi sacchi per carta e plastica dotati di codice a barre e di sacchetti in mater-bi per la raccolta dell’organico.

Questa iniziativa – che rientra tra le misure previste dalla concessione per la gestione dei rifiuti urbani nel bacino territoriale di Modena che Hera si è aggiudicata in un raggruppamento temporaneo di imprese con la società cooperativa Brodolini e il Consorzio Ecobi – nel concreto lascerà del tutto invariate le buone abitudini delle famiglie e delle imprese dei due comuni.

Sia a Bomporto sia a Bastiglia, infatti, è attivo un modello di raccolta differenziata del tutto analogo a quello previsto dalla concessione aggiudicata a fine 2021, peraltro con ottimi risultati: già da anni, infatti, entrambi i comuni raggiungono e superano stabilmente il 90% di raccolta differenziata.

Pertanto, le novità per i cittadini e le imprese di questi due comuni sono davvero minime: viene introdotto un nuovo modello di sacchetto per la raccolta dell’organico – in mater-bi invece che in carta – e, solo per coloro che già hanno il servizio porta a porta, vengono sostituiti i sacchi per carta e plastica: quelli nuovi hanno un codice a barre collegato all’utenza che permetterà, in caso di conferimenti non conformi, di risalire ai trasgressori. Gettare questi due materiali, come anche tutte le altre frazioni di differenziata, rimarrà sempre e comunque gratuito.

Proprio perché personali, i sacchi potranno essere consegnati soltanto al titolare del contratto TCP. In caso di ritiro da parte di altra persona, saranno necessarie una delega da parte dell’intestatario dell’utenza, copia del documento del delegante e un documento del delegato.

Nel caso in cui non ci fosse nessuno in casa al momento del passaggio degli addetti incaricati da Hera, verrà lasciato nella cassetta postale un coupon con cui l’intestatario TCP – o suo delegato, dotato della delega già descritta – potrà ritirare la fornitura di sacchi presso uno degli infopoint che Hera realizzerà a partire da metà giugno a Bastiglia, Solara, Sorbara e Bomporto o, a partire dall’8 luglio, presso una delle Stazioni Ecologiche dei due comuni.

A questo proposito: tra le novità introdotte con le nuove modalità di raccolta differenziata vi è anche un importante ampliamento degli orari delle stazioni ecologiche su tutto il territorio provinciale, così da consentire ancora più flessibilità e comodità a tutti coloro che desiderano conferire i loro rifiuti differenziati attraverso questi impianti.

La stazione ecologica di Bomporto ora è aperta lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18, domenica dalle 9 alle 13. Quella di Bastiglia, invece, è aperta martedì, giovedì e sabato dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18, domenica dalle 9 alle 13.

Paolo Paoli, Responsabile dei Servizi Ambientali Hera per l’Area Modena, ha dichiarato: “L’obiettivo delle nuove modalità di raccolta, che nel corso dei prossimi due anni si estenderanno a tutto il bacino modenese servito da Hera, è aumentare la raccolta differenziata, anche a livello qualitativo, per recuperare quantità sempre maggiori di materiali riciclabili, come organico, plastica, vetro, carta, che restano risorse preziose per l’ambiente. Un traguardo che comuni virtuosi come Bomporto e Bastiglia hanno già raggiunto e superato, dimostrando che questo modello funziona. E che funziona perché le nostre comunità sono consapevoli dell’importanza del loro ruolo e della loro collaborazione, a vantaggio dell’ambiente e del decoro delle nostre città”.

Ora in onda:
________________
Articolo precedenteLa FP CGIL Emilia Romagna apre la vertenza sulla sanità in regione
Articolo successivo“Lost in Modena”, a perdersi la coppia “The Travelization”