Home Ambiente Porta a porta, a Campogalliano Giunta in piazza per rispondere ai cittadini

Porta a porta, a Campogalliano Giunta in piazza per rispondere ai cittadini

Quattro appuntamenti tra sabato 2 e domenica 3 aprile

Sindaca e assessori in piazza a Campogalliano e nelle frazioni per rispondere alle domande dei cittadini sul nuovo metodo di raccolta porta a porta. Sono quattro, infatti, gli appuntamenti previsti tra sabato 2 e domenica 3 aprile, dislocati tra la centrale piazza Vittorio Emanuele II e Panzano e Saliceto Buzzalino.

L’iniziativa fa seguito a quanto accaduto già martedì 29 marzo quando, in occasione del mercato settimanale, la sindaca Paola Guerzoni aveva trasferito la propria postazione di lavoro in piazza, per fornire risposte ai campogallianesi in merito all’introduzione del nuovo sistema, in vigore su tutto il territorio da lunedì 4 aprile.

“Siamo alla vigilia di un importante cambiamento che definirei culturale per la nostra comunità – commenta la sindaca Paola Guerzoni – pertanto è giusto stare in piazza, in mezzo ai cittadini, ascoltando le loro perplessità e fornendo loro chiarimenti. Questo è il cuore della politica: incontrarsi, confrontarsi e camminare insieme”.

Per rispondere alle domande dei campogallianesi sul nuovo servizio gestito da AIMAG, sindaca e assessori saranno presenti, sabato 2 aprile, sia a Campogalliano sia nella frazione di Panzano: nel centro urbano l’incontro si terrà in piazza Vittorio Emanuele II, dalle 9.30 alle 12.30 (in caso di maltempo il punto informativo verrà allestito sotto il portico R1); simultaneamente una delegazione della Giunta sarà a Panzano Bottega dalle 9.30 alle 10.30 presso il circolo La Griglia.

Domenica 3 aprile è previsto un altro doppio appuntamento: nella frazione di Saliceto Buzzalino, dalle 11 alle 12.15, presso il circolo dei Pio e a Panzano chiesa dalle 10.30 alle 11.25 (in caso di maltempo l’incontro si terrà in canonica).

Ora in onda:
________________
Articolo precedenteDisabili e inserimento lavorativo, un binomio che la pandemia ha messo in crisi
Articolo successivoLotta alle mafie, trent’anni della Dia: convegno a Bologna con la ministra Lamorgese