Home Ambiente Rifiuti zero 2027: il Comune di San Prospero rafforza il suo impegno...

Rifiuti zero 2027: il Comune di San Prospero rafforza il suo impegno per la raccolta differenziata

San Prospero aderisce alla strategia internazionale “Rifiuti zero 2027”. Gli enti che partecipano a questo progetto s’impegnano a seguire un percorso costituito da dieci passi verso il comune obiettivo della produzione a rifiuti zero. Di questi dieci passaggi, alcuni sono già stati raggiunti dal Comune di San Prospero, come ad esempio il mantenimento di una percentuale di raccolta differenziata tra il 90% e il 95%. Tra gli obiettivi che invece il Comune di San Prospero deve ancora conseguire c’è la realizzazione di un centro comunale per la riparazione e il riuso, dove beni durevoli e imballaggi possano essere reintrodotti nei cicli di utilizzo, ricorrendo eventualmente anche all’apporto di cooperative sociali e al mondo del volontariato.

Sempre nel tentativo di raggiungere i dieci obiettivi della strategia “Rifiuti zero 2027″, il Comune si prefigge d’intraprendere iniziative per minimizzare i flussi di rifiuti e d’istituire l'”Osservatorio verso Rifiuti Zero” allo scopo di monitorare il percorso verso Rifiuti Zero e indicare criticità e soluzioni. I membri dell’Osservatorio non percepiranno alcun compenso e si riuniranno almeno due volte all’anno. L'”Osservatorio verso Rifiuti Zero” sarà composto da uno o più rappresentanti del Comune, da un rappresentante del Gestore del servizio di raccolta rifiuti, da uno o più rappresentanti di associazioni che s’impegnino per l’attuazione della strategia Rifiuti Zero e da cittadini, mediante il progetto di cittadinanza attiva.

“Da anni abbiamo intrapreso una serie d’iniziative per limitare gli sprechi, mantenere alto il livello di raccolta differenziata e in generale salvaguardare il nostro ambiente – ricorda l’Assessore all’Ambiente del Comune di San Prospero Antonio Capasso –

L’adesione a questa strategia di respiro internazionale permetterà a noi e a tutti i comuni aderenti di adottare un metodo preciso per raggiungere gli obiettivi. Ci auguriamo che la nostra scelta di aderire al progetto “Rifiuti Zero 2027″ sia da esempio per tanti altri comuni del territorio e che insieme la nostra azione possa portarci verso un futuro migliore e più sostenibile”.

 

Ora in onda:
________________
Articolo precedentePer Crossroads, al Teatro Ebe Stignani di Imola, il celeberrimo trombettista Paolo Fresu
Articolo successivoRischio incendi boschivi, da sabato 26 marzo in Emilia-Romagna scatta lo stato di grave pericolosità: allerta codice arancione per l’aggravarsi della siccità