Home Appuntamenti Carpi, un sabato alla scoperta della Cappella dei Pio

Carpi, un sabato alla scoperta della Cappella dei Pio

Il 12 marzo visite guidate all’interno del cantiere

Una straordinaria occasione per visitare da vicino uno dei luoghi più affascinanti di Carpi. Sabato 12 marzo la Cappella dei Pio, all’interno del castello cittadino, sarà aperta al pubblico con la possibilità di effettuare visite guidate al cantiere avviato per il restauro degli affreschi. Un restauro che nelle scorse settimane aveva catturato anche l’attenzione della Rai con un servizio andato in onda nell’edizione emiliano-romagnola del TGR.

Sabato 12 marzo il cantiere del restauro agli affreschi della Cappella dei Pio si apre quindi al pubblico con visite guidate in programma con partenza alle ore 15, 16 e 17 per gruppi di massimo 15 persone. La prenotazione è obbligatoria al link: www.comune.carpi.mo.it/prenota-eventi/museipalazzopio-visiteguidate/.

Per accedere sono obbligatori mascherina e Green Pass rafforzato.

La chiesetta interna al Palazzo dei Pio è una delle parti più importanti del castello cittadino: ambiente di piccole dimensioni dal decoro tipicamente rinascimentale, è formata da una navatella rettangolare con volta a crociera, e da un vano quadrato con cupola che funge da presbiterio. Gli affreschi coprono tutte le pareti e le volte e riportano episodi della vita di Cristo e di Maria, a cui è dedicata la cappella, realizzati entro il 1511 da Bernardino Loschi secondo modelli stilistici che si rifanno alla tradizione pittorica lombarda del tardo ‘400, al Mantegna in particolare. Di notevole interesse, la scena con il principe Alberto III Pio, dedicatario della cappella, e altri personaggi di corte, affrescata nella parete ovest della cappella; i quattro medaglioni in terracotta invetriata a bassorilievo raffiguranti gli Evangelisti, opera di Andrea della Robbia.

 

Ora in onda:
________________
Articolo precedenteImpiantistica sportiva, la Regione estende il Piano regionale per la riqualificazione: altri 5,7 milioni di euro destinati ai Comuni per ristrutturare palestre, piscine, campi da gioco, spazi multifunzionali
Articolo successivoRenault, Fusilli “Vogliamo investire in tecnologie che danno valore”