Home Castelfranco Emilia Castelfranco Emilia, avviato l’iter per l’istituzione di un posto di Polizia Locale...

Castelfranco Emilia, avviato l’iter per l’istituzione di un posto di Polizia Locale a Piumazzo

Castelfranco Emilia sempre di più città policentrica. In questi giorni, infatti, con approvazione all’unanimità in Consiglio comunale, è partito ufficialmente l’iter che porterà alla nascita di un nuovo posto di Polizia Locale a Piumazzo.

“Siamo veramente molto soddisfatti di questa importante novità che riguarda tutta la nostra Comunità – esordisce così Giovanni Gargano, Sindaco di Castelfranco Emilia, con delega, lo ricordiamo, anche alla Sicurezza – da sempre sosteniamo che la nostra attenzione al territorio è da considerarsi a tuttotondo, dalle frazioni alla città. Questo è dunque un ulteriore e concreto passo in avanti che facciamo, non solo ed esclusivamente in termini di prevenzione in materia di sicurezza, ma anche e soprattutto come presenza  e presidio capillare sul territorio, per allargare ancora di più i servizi della nostra Amministrazione a disposizione della cittadinanza: questo posto di Polizia Locale rappresenterà infatti un’interfaccia diretta dei nostri uffici direttamente in loco, con un  mirato decentramento di alcuni servizi al cittadino. Ed è per tutte queste ragioni – ha concluso – che desidero porgere il mio ringraziamento a tutto il Consiglio comunale per il voto all’unanimità di questo progetto”.

Tema, quello del decentramento operativo, su cui pone l’accento anche l’Assessore a Castelfranco Città Policentrica e Frazioni Silvia Cantoni: “Quello che nascerà sarà a tutti gli effetti un nuovo punto di riferimento a disposizione dei cittadini per una variegata tipologia di servizi della nostra Amministrazione, un vero e proprio desk front office nell’ottica del percorso policentrico del nostro territorio. Attraverso questo percorso saremo ancora una volta e con ancor maggior efficacia ed efficienza al fianco di tutta la Comunità”.

 

Ora in onda:
________________
Articolo precedente“C devi pensare”, anche in provincia di Modena la campagna di screening sull’epatite C
Articolo successivoDanni da Covid: ENAC eroga il 50% delle richieste di ristoro alle società di gestione aeroportuale