Home Bassa modenese San Sebastiano: a Mirandola prima festa del corpo della Polizia locale tornata...

San Sebastiano: a Mirandola prima festa del corpo della Polizia locale tornata alle dipendenze del Comune

Le celebrazioni per San Sebastiano di oggi, segnano di fatto la prima festa del Corpo di Polizia Locale mirandolese tornato alle dipendenze del Comune di Mirandola, dall’1gennaio scorso. Una festa che, oltre essere “un nuovo inizio” per il Corpo, oltre ai risultati conseguiti nel corso dell’anno passato in termini di operatività, traccia già un primo bilancio dopo soli 20 giorni con nuovi risultati concreti. Circa una ventina infatti gli interventi tra cui spiccano: il soccorso ad un ragazzino sentitosi male mentre si recava a scuola; i controlli effettuati presso il mercato e gli operatori commerciali sulla regolarità dell’osservanza delle misure covid e non solo, con relative sanzioni quando sono state riscontrate irregolarità, un presidio costante sul territorio, capoluogo e frazioni, oltre che zone sensibili, come i parchi; un incremento della presenza tra i cittadini. Oltre all’attivazione di una pagina Facebook propria – @polizialocalemirandola – servizio pubblico – per arrivare con informazioni di pubblica utilità (chiusure stradali per lavori o sinistri, indicazioni, norme comportamentali ed altro) in modo capillare. Profilo social che ad oggi conta già un migliaio di iscritti.

“Il rientro delle funzioni di Polizia Locale nella piena gestione operativa dell’ente – ha dichiarato il Sindaco di Mirandola Alberto Greco, portando il saluto a nome dell’Amministrazione comunale – ci consente di poter gestire con maggiore efficacia la presenza capillare sull’intero territorio comunale.” “Un autonomia – ha poi aggiunto l’Assessore alla Sicurezza Roberto Lodi – che per Mirandola significa procedure più snelle e flessibili nel garantire quei servizi di prossimità che i nostri concittadini chiedono. Massima però resta e sarà la collaborazione interforze con tutti i presidi di Polizia locale, perché i nostri obiettivi comuni sono la sicurezza delle nostre città, dei nostri territori.”

Parole, a cui sono seguite quelle del Comandante della Polizia Locale di Mirandola Gianni Doni, prima di illustrare i dati relativi al 2021, inerenti all’operatività del presidio mirandolese del Corpo. “Dal 1° gennaio 2022 la Polizia Locale di Mirandola è tornata alle dirette dipendenze della propria Amministrazione comunale e quella di oggi è la prima festa del Corpo del rifondato Servizio. San Sebastiano rappresenta tradizionalmente l’occasione per tracciare il bilancio delle attività svolte nel corso dell’anno appena terminato. Bilancio di particolare difficoltà sia per i condizionamenti subiti dal servizio a causa del covid-19, sia per la reinternalizzazione del servizio. Ciò premesso, considerate le sole attività che hanno interessato il territorio mirandolese, il 2021 si è caratterizzato per un aumento dei controlli sui veicoli in transito e sulle persone, con mantenimento allo stesso tempo un alto numero di controlli in materia di prevenzione del contagio e garantendo, altresì, il presidio di tutte le nostre tradizionali materie di competenza ed i relativi ambiti operativi”, ha detto, non mancando di elogiare tutti gli operatori per l’impegno, la devozione e la passione profusi nel lavoro ogni giorno.

Con all’attivo 14 operatori, rispetto ai 24 previsti dagli standard regionali – anche se sono prossimi ad entrare in servizio 6 nuovi – il presidio operativo della Polizia Locale di Mirandola nel corso del 2021, ha effettuato più di 700 posti di controllo, verificando quasi 7.400 veicoli. 96 gli interventi su sinistri stradali – in lieve incremento rispetto al 2020 – di cui più di 50 con feriti. 7 le violazioni accertate per stato di ebbrezza, mentre sono stati oltre 10mila i veicoli controllati su regolarità assicurativa e revisione. Nel complesso, gli accertamenti di violazione alle norme del Codice della strada hanno sfiorato le 700 unità, mentre una 70ina quelli ad altre norme. Rispetto all’attività di controllo in aumento rispetto al 2020, si contano 189 controlli di attività edilizia con 16 sanzioni; 265 interventi di tutela ambientale con 10 sanzioni; 1.344 controlli in esercizi commerciali e pubblici esercizi, ma appena 5 sanzioni. A ciò si affianca l’attività di monitoraggio e presidio del territorio da parte della Polizia Locale con: 964 servizi nei centri abitati (capoluogo e frazioni); 998 nei parchi pubblici; 1.338 sui posti di lavoro. In ultimo, ma non meno importante i servizi di prevenzione covid-19, con oltre 9150 persone identificate e controllate. (i dati dettagliati sono contenuti nella relazione allegata).

“Vogliamo ringraziare tutti i nostri operatori della Polizia Locale – hanno concluso il Sindaco Greco e l’Assessore Lodi – per il loro lavoro, ormai sempre più mirato al presidio del territorio in senso lato: citiamo la videosorveglianza, un sistema in continua evoluzione, sempre più importante nel prevenire o nel perseguire le azioni criminose o ancora gli interventi sulla microcriminalità, sugli abusi edilizi, gli accertamenti in tema ambientale al commercio e ancora tutta l’attività di polizia stradale.”

Nel corso delle celebrazioni, il Comandante della Polizia Locale di Mirandola Gianni Doni, unitamente al Sindaco Alberto Greco hanno conferito gli elogi per le attività svolte nel 2021 a: Commissario Emanuela Ragazzi; Assistente Capo Valerio Zoni; Agente Danilo Cardella; Raffaele Di Canosa.

Ora in onda:
________________
Articolo precedenteCna Benessere Bologna: “Pronti ad applicare le norme sul green pass negli esercizi dei servizi alla persona”
Articolo successivoSuper Green Pass, i controlli della Polizia locale di Soliera ai pubblici esercizi