Home Appuntamenti Modena, Fiera di Sant’Antonio con norme anti assembramento

Modena, Fiera di Sant’Antonio con norme anti assembramento






Durante la fiera di Sant’Antonio di lunedì 17 gennaio saranno vietate le presentazioni dei prodotti in vendita con richiamo della clientela utilizzando microfoni o altri impianti di diffusione sonora. È una delle novità organizzative previste dall’ordinanza del Comune di Modena sulla fiera, insieme all’ampliamento dell’area in cui si sviluppa la manifestazione, per ridurre il rischio di assembramenti e garantire la possibilità di mantenere il distanziamento tra le persone.

Nei principali accessi al centro storico, inoltre, saranno organizzati varchi informativi, con manifesti, volantini e la presenza di volontari gruppo comunale di Protezione civile per invitare a comportamenti rispettosi delle norme di prevenzione: dall’utilizzo della mascherina al distanziamento. Altri volontari, insieme a quelli delle associazioni che collaborano con la Polizia locale per la sicurezza, si muoveranno nell’ambito della fiera, sempre per attività di comunicazione, mentre i controlli saranno svolti dalla Polizia locale e da addetti alla sicurezza qualificati: chi partecipa alla fiera, facendo acquisti o avvicinandosi ai banchi, dovrà essere dotato di Green Pass rafforzato, così come tutti gli operatori. Per toccare la merce, inoltre, è previsto l’utilizzo di guanti monouso.
I controlli sugli operatori da parte della Polizia locale inizieranno fin dalla notte precedente la fiera, con il posizionamento dei banchi nei posteggi assegnati, e continueranno durante la giornata anche per i collaboratori che si potranno alternare nell’attività.
Per evitare problemi ulteriori sui controlli, in questa edizione straordinaria della fiera non è prevista la tradizionale “spunta”, cioè la sostituzione degli ambulanti assenti. Le assenze degli operatori, comunque, saranno considerate giustificate.
Sono 104 gli operatori di Polizia locale che saranno impegnati complessivamente nei vari turni della giornata, con sei “rinforzi” dall’Unione delle Terre d’argine, mentre i volontari saranno complessivamente quasi una trentina. “A tutti loro va il ringraziamento della città – sottolinea il sindaco Gian Carlo Muzzarelli – che conferma un appuntamento così sentito dai modenesi e che rappresenta, come già detto, una prova generale per il 31 gennaio con la festa per San Geminiano. Lo verificheremo con Prefettura, Questura e forze dell’ordine e con tutti i soggetti impegnati nell’iniziativa”.
In piazza Torre sarà presente il gazebo della Polizia locale e in piazza Sant’Agostino il camper con l’ufficio mobile. Per denunce e segnalazioni sarà operativo anche il Posto integrato di Polizia di viale Molza.
L’ampliamento dell’area della fiera consentirà di evitare strade dove si potrebbero verificare assembramenti (non verranno collocati banchi in via Castellaro e in via Scudari, per esempio) e la nuova organizzazione non prevede i “doppi fronti” dei posteggi che caratterizzavano via Emilia e Canalgrande. Diverse decine dei circa 400 banchi previsti, così, verranno collocati in piazza Matteotti, in piazza XX Settembre, in piazza Roma e largo San Giorgio prevedendo poi postazioni per attività di animazione in via Farini nelle quali potranno collocarsi artisti di strada, per rendere visibile il collegamento con la via Emilia.

 

DIVIETI DI SOSTA E RIMOZIONI

Scattano dalla mezzanotte di domenica 16 gennaio e sono validi per tutta la giornata di lunedì, i divieti di sosta, con rimozione, nelle strade del centro storico di Modena interessate dalla fiera di Sant’Antonio. Previsti anche alcuni divieti di transito e una serie di altri provvedimenti sulla viabilità che interessano alcune decine di strade. E dalle 22.30 della domenica gli operatori commerciale possono accedere alle aree assegnate per l’allestimento dei banchi, con la Polizia locale che controllerà la corretta collocazione e il possesso del Green Pass rafforzato previsto dall’ordinanza comunale.

I divieti di sosta, con segnaletica sul posto per indicare i tratti di strada interessati, riguardano corso Canalchiaro, via Canalino, via Università, via San Carlo, piazza XX Settembre, via Scudari-Castellaro, via Sant’Eufemia, piazza Sant’Agostino, piazza Matteotti, piazzale San Francesco, piazzale Erri, via Rua Pioppa, via Cardinal Morone, via Castelmaraldo, via Santa Margherita, via Fonteraso e via Fonte d’Abisso.

Previsto anche il divieto di transito, esclusi i mezzi di soccorso, in piazza Sant’Agostino, via Emilia centro, lardo Porta Bologna, corso Duomo, corso Canalchiaro, corso Canalgrande, piazza Grande, piazza Torre, Calle di Luca, piazza Roma e piazza XX Settembre. Per la giornata di lunedì, inoltre, sono abrogati i sensi unici nelle vie Battisti, Torre, Falloppia, Dei Tintori, Rua Pioppa, Taglio, Marescotta, San Cristofaro, Fonte d’Abisso, Ramazzini, Cerca, Cardinal Morone, Badia, Sant’Eufemia, dei Lovoleti.

Ora in onda:
________________