Home Publiredazionali pubbliredazionali sassuolo Come minare criptovalute?

Come minare criptovalute?






Come minare criptovalute?

Sebbene il processo mediante il quale vengono generate delle nuove criptovalute sia chiamato mining ha poca somiglianza con il lavoro svolto da coloro che estraggono fisicamente alcuni metalli preziosi come ad esempio l’oro. Il confronto tuttavia regge; infatti, i minatori di valuta digitale usano i loro computer per risolvere complessi problemi matematici e vengono ricompensati per il lavoro svolto proprio con delle criptovalute. Detto ciò, va altresì aggiunto che minare criptovalute giuste al momento giusto, può rivelarsi ideale per accumulare un buon capitale anche se lo sforzo associato al mining di criptovalute richiede molto tempo e tanto denaro con quest’ultimo indispensabile per costruire un impianto adeguato e di tutto rispetto. In riferimento a quanto sin qui descritto, vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come fare per minare le criptovalute presenti oggi sul mercato.

Che cosa si intende per mining?

Il mining è la chiave per mantenere le blockchain che registrano le transazioni e che vantano la crittografia decentralizzata, ma in termini semplici il mining è il processo in cui le transazioni stesse vengono verificate e aggiunte al registro digitale. I prezzi nell’ultimo anno tra l’altro sono aumentati a causa del suddetto rinnovato interesse ed è uno dei metodi più praticabili per partecipare al rialzo delle valute digitali senza acquistarle direttamente è proprio quello di minare criptovalute. In pratica, i computer e le configurazioni dei minatori stanno effettivamente risolvendo equazioni matematiche che verificano le transazioni in valuta digitale e la loro ricompensa per aver risolto queste equazioni è una piccola quota della criptovaluta collegata alla blockchain di cui fanno parte.

Come iniziare a minare le criptovalute?

L’estrazione mineraria delle criptovalute non è priva di ostacoli e il suo impatto ambientale in termini di utilizzo elettrico è un argomento che sta diventando un dibattito sempre più acceso. Premesso ciò, per iniziare a fare del mining è innanzitutto necessario configurare un impianto specifico quindi ottenere un portafoglio crittografico, dopodiché bisogna unirsi a un pool di mining prima di scaricare un programma sul proprio computer. Dopo che questi passaggi sono stati completati, il processo è piuttosto semplice in quanto l’applicazione fa tutto da sola mentre si svolge la normale vita quotidiana. Infine va sottolineato che per eseguire il mining delle criptovalute l’hardware può essere il componente più difficile di una configurazione; infatti, ci sarà bisogno di un computer potente e progettato specificamente per il mining e alcuni di questi apparecchi, possono costare tantissimo. Affidarsi a broker che propongono piattaforme specifiche è quindi l’opzione giusta per risparmiare e per raggiungere l’obiettivo.

Come funziona il mining delle criptovalute?

Il mining di criptovalute si riferisce all’acquisizione di criptovalute risolvendo equazioni crittografiche con l’uso di computer ad alta potenza. Inoltre va detto che è una formula con un insieme di proprietà specifiche che la rende estremamente utile per la crittografia stessa.  Il processo di risoluzione nello specifico prevede la verifica dei blocchi di dati e l’aggiunta di registrazioni di transazioni in un ledger ossia un registro pubblico e una blockchain protetta mediante l’applicazione di complesse tecniche di crittografia. Per la verifica delle transazioni, ci vuole quindi l’aiuto di algoritmi crittografici.  Ottenere nuove monete sul registro comporta tuttavia la risoluzione di complicati enigmi matematici che aiutano a verificare le transazioni in valuta virtuale e quindi aggiornarle sul registro blockchain decentralizzato. Come risultato di questo lavoro, i minatori ricevono una paga proprio con criptovaluta.

Le componenti di base per minare le criptovalute

Per svolgere un’operazione di mining ci sono generalmente tre componenti di base ossia il portafoglio, il software e l’hardware di mining. Inoltre c’è bisogno di un portafoglio per la criptovaluta in modo che tutti i token o le monete ottenute dal mining abbiano un posto dove essere archiviate. I portafogli tra l’altro sono conti bancari online crittografati, essenzialmente, con un indirizzo univoco che consente di inviare e ricevere i suddetti token   in modo sicuro. Detto ciò, è altresì importante aggiungere che ci sono molti tipi di portafogli online su cui puntare per minare le criptovalute. La maggior parte dei software può quindi essere scaricata e utilizzata gratuitamente ed è disponibile anche per una varietà di sistemi operativi. Per le criptovalute popolari come bitcoin, è possibile tra l’altro scoprire che esistono diversi tipi di software che possono essere utilizzati.

 

Ora in onda:
________________