Home Alta Tecnologia Banda ultralarga, lunedì a Spezzano incontro aperto al mondo del lavoro e...

Banda ultralarga, lunedì a Spezzano incontro aperto al mondo del lavoro e dei privati cittadini






Lunedì 28 giugno, alle ore 18.30, presso la struttura di Casa Corsini a Spezzano di Fiorano, avverrà un incontro pubblico sul tema della banda ultralarga, con particolare riferimento al Villaggio Artigiano spezzanese. Sarà presente, oltre al Sindaco Francesco Tosi, anche il dottor Alessandro Cantelli, responsabile del SIA (Sistemi Informativi Associati) dell’Unione dei Comuni del Distretto e responsabile dell’Agenda Digitale dell’intero territorio ceramico.

L’intento è fare il punto della situazione sulla fibra ottica della nostra zona, e su ciò che riguarda previsioni e accordi circa la sua diffusione – la quale si punta diventi capillare – nel Comune di Fiorano Modenese. Inoltre sarà possibile valutare i modi in cui migliorare la connessione esistente, in attesa appunto della banda ultralarga.

Nel rispetto delle norme anti-contagio, il Primo Cittadino ha organizzato l’incontro d’intesa con Lapam e CNA locali, associazioni che avevano già sottolineato la necessità di una chiarificazione sul tema e che si sono fatte carico di divulgare l’iniziativa presso i propri iscritti. L’incontro è comunque aperto a tutti i cittadini interessati all’avvento della banda ultralarga, strumento riguardante certamente il settore lavorativo – che sia artigianale, produttivo o dei servizi –, ma anche famiglie e privati cittadini.

“La possibilità di collegarsi direttamente alla banda ultralarga – spiega il Sindaco Tosi – è un’esigenza sempre più evidente per ciascuno di noi. Come Amministrazione stiamo cercando di seguire l’evolversi dei progetti pubblici in merito e di fornire ai cittadini tutte le informazioni di cui disponiamo. La tecnologia in questo caso diventa sempre più elemento decisivo sia per lo sviluppo economico del Distretto, anche per l’affermarsi concreto dei diritti dei cittadini, in termini di uguaglianza, accesso al sapere e pari opportunità”.