Home Appuntamenti “Culture Digitali”, due anni di laboratorio aperto alla ex Centrale Aem di...

“Culture Digitali”, due anni di laboratorio aperto alla ex Centrale Aem di Modena

“Culture Digitali. Due anni di open innovation e reti strategiche al Laboratorio Aperto di Modena”. È il titolo dell’incontro online, in programma mercoledì 13 gennaio sulla piattaforma digitale Zoom, organizzato dal laboratorio con sede alla ex Centrale Aem di viale Buon Pastore, a partire dalle tante iniziative e attività avviate dall’apertura a fine 2018, che hanno coinvolto numerose realtà. L’appuntamento è aperto a tutti: cittadini, stakeholder e partner (iscrizione gratuita online al link https://www.tuprenotalo.com/it/event/culture-digitali). Obiettivo: riflettere insieme sugli obiettivi raggiunti, presentare i programmi in essere, scoprire i progetti futuri.

Nel primo biennio di attività si sono svolti, tra l’altro, una quindicina tra mostre, e performance, una decina di iniziative di divulgazione, sei tra festival e manifestazioni cittadine, tre edizioni del “Virtual Reality Movie Festival” e, inoltre, laboratori di robotica educativa per ragazzi, workshop innovativi e attività formative per professionisti. Anche nel periodo di chiusura forzata dovuto all’emergenza Covid-19, il Laboratorio ha confermato la propria fiducia nell’innovazione proponendo più di 20 attività online, tra cui talk su tematiche legate alla trasformazione digitale, proiezioni di videodanza e corsi di cittadinanza digitale.

Tutto sempre – sottolineano dal Laboratorio – cercando di coinvolgere un target via via più ampio, radicandosi in profondità nel territorio, senza perdere di vista il contesto nazionale e internazionale, come dimostrano altri dati sulle attività dei primi due anni, che aiutano a comprendere gli effetti della progettualità messa in campo: circa seimila partecipanti a eventi in presenza; oltre un migliaio di presenze e visualizzazioni online; coinvolgimento di 11 classi di istituti scolastici del territorio; centinaia di insegnanti e oltre 400 studenti universitari.

Mercoledì 13 alle 11 “Culture Digitali. Due anni di open innovation e reti strategiche al Laboratorio Aperto”, che vuol essere anche l’occasione per scambiare idee e stimoli in vista delle attività da realizzare nei prossimi mesi, si apre coi saluti introduttivi di Andrea Bortolamasi – assessore a Cultura, Politiche giovanili e Città universitaria – per proseguire con Fabrizio Montanari, docente Unimore, su “Reti collaborative, industrie creative e Laboratorio Aperto” e, ancora, con Fabio Sgaragli – coordinatore del Laboratorio Aperto di Modena – sul tema “Laboratorio Aperto: crescita dell’hub di innovazione”. Spazio poi a domande e risposte con coinvolgimento dei partecipanti, prima delle conclusioni affidate a Ludovica Carla Ferrari, assessora a Città smart e Politiche economiche del Comune di Modena. Modera Ivan Moliterni del Laboratorio Aperto. L’iscrizione è gratuita e aperta a tutti (https://www.tuprenotalo.com/it/event/culture-digitali).

Informazioni disponibili sul sito web (www.laboratorioapertomodena.it).