Home Appennino Bolognese Loiano, non dà prova del suo concreto recupero sociale, riaccompagnato in carcere

Loiano, non dà prova del suo concreto recupero sociale, riaccompagnato in carcere

I Carabinieri della Stazione di Loiano hanno eseguito un’ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Bologna nei confronti di un 43enne nato in Germania, residente a Loiano, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, la persona, in materia di armi e droga. In questo caso, il provvedimento eseguito dai Carabinieri riguarda l’interruzione di un beneficio che il 43enne aveva ricevuto in alternativa al carcere, ovvero l’affidamento al servizio sociale che gli consentiva di espiare una pena detentiva inflitta per reati di droga, in regime di libertà assistita e controllata, attraverso un programma di trattamento non più con l’istituione penitenziaria, ma con l’ufficio di esecuzione penale esterna.

Non essendo stato in grado di dare prova di un suo concreto recupero sociale durante il periodo di affidamento verificato dai Carabinieri, il 43enne è stato riaccompagnato in carcere per scontare una pena di 6 mesi di reclusione. Tra l’altro, una decina di giorni fa, il 43enne era stato denunciato dai Carabinieri della Provincia di Vercelli perché durante un controllo in cui si era spacciato per un’altra persona, era stato trovato in possesso di un paio di coltelli a serramanico.