Home Bassa reggiana Sabato a Luzzara verrà inaugurato il nuovo furgone dell’associazione Anteas

Sabato a Luzzara verrà inaugurato il nuovo furgone dell’associazione Anteas

D’ora in poi i cittadini del Comune di Luzzara, tramite lo sportello di Luzzara dell’Associazione Anteas Servizi e Volontariato, possono contare su un veicolo attrezzato al trasporto di persone con difficoltà varie, concesso in comodato gratuito da PMG Italia. La collaborazione nasce con l’obiettivo di promuovere forme di autonomia e integrazione sociale, grazie al sostegno delle imprese del territorio.

L’evento di consegna e inaugurazione dell’automezzo Fiat Doblò appositamente attrezzato avverrà sabato 19 ottobre alle 11 nel sagrato della Chiesa Parrocchiale, in piazza Castello a Luzzara.

Successivamente, in Sala Consiliare, saranno consegnati degli attestati di ringraziamento alle ditte e aziende che hanno sponsorizzato l’iniziativa. Seguirà un piccolo rinfresco per tutti i presenti.

Il Doblò sarà una parte integrante del Progetto di Mobilità Garantita nel Comune di Luzzara.

Promosso da Anteas RE O.d.V. – Sportello di Luzzara nell’ambito di “WelCom- Comunità in ascolto- accorciamo le distanze”, progetto sostenuto dalla Fondazione Manodori, e da Anteas Servizi di Reggio Emilia, in collaborazione con PMG Italia SpA e il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Luzzara, nasce nell’ambito dell’integrazione collaborativa tra pubblico e privato prevista dalla “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali” n° 328/2000 e  ha l’obiettivo di promuovere forme di autonomia e integrazione sociale, attraverso l’implementazione dei servizi di trasporto sociale ed accompagnamento. I dati rilevati nell’intero territorio nazionale confermano sia il continuo innalzamento dell’età media sia l’intensificarsi dei ritmi di vita già oggi frenetici delle famiglie e rendono sempre più necessario individuare strumenti per migliorare la fruizione dei servizi da parte di chi è portatore di una disabilità, qualsiasi essa sia, che ne limita la partecipazione attiva alla vita della società e di conseguenza arricchire la società stessa, anche in termini di valori  garantendo piena autonomia e pari dignità sociale a tutti i cittadini.