Home Formigine Parte a Magreta “Sport e disprassia”, il corso per aiutare i bambini...

Parte a Magreta “Sport e disprassia”, il corso per aiutare i bambini con difficoltà nella coordinazione motoria





Si terranno a Magreta presso la palestra della scuola primaria Palmieri le tre lezioni di “Sport e disprassia”, il corso organizzato dall’associazione “DisprasSiamo” in collaborazione con il Comune di Formigine rivolto agli istruttori di discipline giovanili, agli insegnanti di scuole primarie e secondarie e ai genitori sul potenziale dello sport come alleato nel trattamento di bambini affetti da difficoltà motorie. Le lezioni, in programma sabato 26 ottobre e sabato 16 e 23 novembre dalle ore 9.00 alle ore 12.00, saranno suddivise in una parte teorica ed una pratica: quest’ultima verrà svolta grazie alla collaborazione di una classe della scuola stessa.

Il corso affronterà temi importanti quali come riconoscere in anticipo eventuali criticità nelle funzioni chiave motorie, come potenziare equilibrio, tono muscolare e coordinazione, fino al ruolo dello sport di squadra come attività sociale. Relatore del corso sarà il professore Daniele Lodi, docente di scienze motorie e presidente dell’A.s.d. Motor Studio Tre. La partecipazione è gratuita e a numero chiuso: è possibile iscriversi all’indirizzo disprassiamo@gmail.com.

L’associazione “DisprasSiamo” è nata in provincia di Modena in risposta all’isolamento di cui spesso sono vittima i bambini affetti da disprassia, il disturbo della coordinazione motoria che spesso colpisce in età tenerissima, con lo scopo di rendere più conosciuto questo disturbo e di abbattere gli ostacoli che si presentano prima e dopo una spesso tardiva diagnosi.

“Ringraziamo Manola Cottafava, presidente dell’associazione per l’idea innovativa che ci ha proposto – afferma l’assessore per Formigine Città Inclusiva Paolo Zarzana – e che ha trovato supporto da Associazione Magreta, Podistica Formiginese e Kaos, che hanno devoluto parte degli incassi della Corrimagreta a una iniziativa che farà scuola a livello non solo locale, ci sono già infatti numerosi iscritti da tutta italia”.