Home Bassa reggiana Acetum Cavezzo: sottoscritto il primo contratto aziendale per oltre 160 addetti

Acetum Cavezzo: sottoscritto il primo contratto aziendale per oltre 160 addetti

E’ stato sottoscritto dalla Flai Cgil di Modena in data 29 maggio 2019 – in un giorno simbolo in cui ricorre l’anniversario del terremoto di 7 anni fa – il primo contratto integrativo aziendale in Acetum Spa.

«Esprimiamo grande soddisfazione – dichiara Rosa Dammicco della Flai Cgil di Modena – per l’accordo raggiunto con l’azienda leader nel settore della produzione di aceto balsamico di Modena IGP il cui piano industriale prevede ulteriore espansione sul mercato nazionale ed internazionale oltre ad investimenti sul sito di Cavezzo».

Sono 168 i dipendenti diretti che operano all’interno di Acetum Spa a cui viene applicato il contratto nazionale dell’industria alimentare, e, che vedranno, attraverso i propri rappresentanti sindacali, il riconoscimento delle tutele economiche e normative previste dall’accordo aziendale.
Il contratto integrativo sottoscritto introduce significative e strutturali relazioni sindacali prevedendo incontri periodici e calendarizzati tra azienda e RSU.
Nell’accordo assume particolare rilievo il capitolo della formazione che impegnerà le parti nella condivisione di analisi dei bisogni, progetti e piani formativi.
Attenzione è stata posta anche sul tema degli appalti affinchè venga garantito l’affidamento dei lavori esclusivamente ad imprese in possesso dei requisiti di idoneità tecnica, professionale, e, in linea con il rispetto delle normative vigenti.
Il coinvolgimento delle Rsu è previsto all’interno dell’accordo anche nell’analisi delle professionalità presenti in azienda allo scopo di riconoscere nuove professionalità acquisite per il passaggio ai livelli superiori.
Viene istituito, inoltre, un premio di risultato che garantirà fino ad 1.458,00 Euro annui a ciascun lavoratore.
«Un percorso importante destinato a svilupparsi nel corso dei prossimi anni è stato avviato in Acetum, – afferma la Flai Cgil – a partire dalla avviata procedura di rinnovo delle Rsu».