Home Ambiente Lunedì a Modena il convegno “Filiera Corta Alimentare Sostenibile: da opportunità a...

Lunedì a Modena il convegno “Filiera Corta Alimentare Sostenibile: da opportunità a realtà”

“Filiera Corta Alimentare Sostenibile: da opportunità a realtà” è il titolo del convegno organizzato da Acli Provinciali di Modena e Caritas Arcidiocesi di Modena e Nonantola che si svolgerà lunedì 13 maggio dalle ore 9.45 nella sede dalla Provincia di Modena in viale Martiri della Libertà 34.

Una giornata di studi e confronto sul ritorno in termini economici, ambientali e sociali che la filiera corta alimentare sostenibile può oggi rappresentare per il nostro territorio, con approfondimenti e esperienze sul come realizzarla, anche alla luce delle direttive regionali ed europee.

A portare esempi italiani e esteri, proposte e a confrontarsi con il pubblico saranno esperti internazionali, amministratori locali e regionali, esponenti del mondo del terzo settore. Nella prima parte della giornata saranno presenti: Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena; Gian Carlo Muzzarelli, sindaco di Modena; Mons. Giuliano Gazzetti, Vicario Generale della Diocesi di Modena – Nonantola; Simona Caselli, assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Emilia – Romagna; Jean Eigeman, esperto internazionale di citizen commitment, moderatore della rete di Comuni olandesi in sviluppo sostenibile (GDO); Paolo Romagnoli, partner tecnico Eigeman ID – Azienda agricola “La Fonte”. Alle ore 13 è previsto un piccolo rinfresco. I lavori riprenderanno alle ore 14 con l’intervento di Francesca Maletti, vice presidente Acli Provinciali di Modena; Tommaso Tropeano, associazione Fa Bene Community, Gruppo Snodi; Federico Valenzano, vice direttore Caritas Arcidiocesi di Modena e Nonantola; Yuri Costi, referente Centro stranieri di Modena.

Alle ore 16 le conclusioni saranno affidate a Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia – Romagna.

L’incontro è aperto a tutti coloro che sono interessati al tema dell’alimentazione sana e sostenibile, dell’ambiente e in particolare agli imprenditori agricoli del territorio modenese e emiliano romagnolo, agli operatori del mondo del volontariato e agli amministratori pubblici.