Home Economia “Economia civile, profitto e ben vivere”, nuovo tema proposto dal CRISE

“Economia civile, profitto e ben vivere”, nuovo tema proposto dal CRISE

Economia civile, profitto e ben vivere sarà al centro del nuovo incontro proposto dal Centro di Ricerche e Indagini Socio Economiche – CRISE di Unimore.

L’appuntamento dal titolo “Economia civile, profitto e ben vivere”, che si terrà venerdì 12 aprile 2019 alle ore 17.30 presso l’Aula Convegni del Dipartimento di Giurisprudenza (via San Geminiano,3) a Modena, vedrà intervenire, assieme al prof.Graziano Pini di Unimore, Suor Alessandra Smerilli, docente di Economia alla Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium di Roma, PhD in Economics a School of Economics di Norwich (UK) e neo consigliera economica di Papa Francesco (Il Sole24Ore 9/3/19).

“Ci sono alcuni fondamenti culturali dell’economia che non persuadono”, dice Suor Alessandra Smerilli – Penso innanzitutto all’idea che l’economia sia come la fisica, regolata da leggi naturali, quasi che sia una scienza esatta. Quindi, al principio di razionalità, secondo cui gli operatori economici assumono le proprie decisioni sempre in maniera razionale, ma le cose non stanno così”.

Il taglio del ciclo di incontri del CRISE è caratterizzato da materie economiche, giuridiche e politiche, grazie al coinvolgimento di cinque dipartimenti di Unimore: Giurisprudenza, Economia, Studi Linguisti e Culturali, Ingegneria e da quest’anno anche Comunicazione ed Economia  e Scienze Umanistiche di Reggio E.

Coordinatore dei nuovi sette appuntamenti, che sono iniziati a marzo per concludersi a maggio, sarà, come sempre, il prof.Graziano Pini di Unimore che sarà affiancato ad ogni seminario da professori universitari, noti comunicatori, ricercatori e professionisti.

Il ciclo di appuntamenti, ad ingresso libero, vede il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, dell’Ordine degli Ingegneri di Modena, dell’ordine dei Dottori Commercialisti e dell’Ordine degli Avvocati e prevede crediti formativi per studenti dei sei dipartimenti coinvolti. Per informazioni scrivere al prof. Graziano Pini graziano.pini@unimore.it