Home Cinema “Cinema per una scuola di frontiera” all’Ipsia Corni di Modena

“Cinema per una scuola di frontiera” all’Ipsia Corni di Modena

Sei cineforum, un docu-film realizzato direttamente dagli studenti, dibattiti sui temi d’attualità e rapporti sociali per una scuola che si apre al territorio. E’ il cuore del progetto “Cinema per una scuola di frontiera” realizzato da docenti e studenti dell’Ipsia Corni di Modena e che ha come obiettivo, per le prossime settimane, la realizzazione di un docu-film sulle relazioni tra scuola e territorio, con riprese dentro e fuori l’istituto modenese, con gli studenti che si trasformeranno in autori e attori.

Nella fase di progettazione sono previsti anche corsi di formazione per gli alunni, finalizzati a sviluppare competenze di base nel ruolo di fonico di presa diretta, operatore di riprese video, editing e montaggio video, web design, gestione dei conflitti e piano di comunicazione di un prodotto cinematografico. Tenuti nei pomeriggi, i corsi risulteranno propedeutici alla realizzazione del lungometraggio che racconterà la relazione tra la scuola e il territorio affrontando temi chiave quali il mondo dell’istruzione, relazione scuola- lavoro, prevaricazione e bullismo, immigrazione-cooperazione-integrazione, disagio giovanile e rapporto con l’ambiente.

Nelle settimane scorse presso i cinema del capoluogo, Astra e Truffaut, alla presenza di alcune  centinaia di studenti, sono stati proiettati i film “Sesso e potere“ e “Juventa”, durante i quali gli studenti -coadiuvati da esperti del settore (giornalisti, psicologi, registi e con testimonianze dirette)- hanno sviscerato temi di particolare attualità come le “fake news”, il condizionamento dei poteri finanziari e politici sull’informazione, l’immigrazione e l’integrazione sociale, la realtà virtuale.

Il prossimo appuntamento è previsto giovedì 11 aprile al cinema Astra con la proiezione de “Il professore cambia scuola”, durante la quale esperti e allievi discuteranno della realtà scolastica e dei cambiamenti inerenti le istituzioni educative. Il giorno dopo, venerdì 12,  si proietta “La Paranza dei bambini” sul difficile fenomeno del bullismo e baby bulllismo. A seguire le altre proiezioni –con relativi dibattiti con docenti universitari, psicologi, sociologi e giornalisti- verteranno sulla tutela dell’ambiente e i cambiamenti climatici.

Il progetto dell’Istituto Corni è stato interamente finanziato dai ministeri della Pubblica istruzione e dei Beni Culturali con un contributo di sessanta mila euro e prevede, tra l’altro- la realizzazione di un sito internet della scuola curato direttamente dagli studenti.

Con orgoglio Wilma Massucco, responsabile del progetto (al pari degli altri docenti coinvolti: Valente, Durante, Lionetti e Parrella) sottolinea l’importanza di un progetto così creativo, capace ottenere un cospicuo finanziamento e, soprattutto, di interessare così tanti alunni su argomenti di grande attualità: “Essere riusciti a coinvolgere – dichiara la professoressa – Università, Camera di commercio, Comune , fondazione San Filippo Neri , coop Mediando e il gruppo musicale Modena Molti Mondi che realizzerà la colonna sonora del film, rappresenta un successo non solo per l’Istituto Corni ma per l’intero mondo scolastico della nostra provincia”.