Home Musica Settembre e ottobre in musica al Parco Matilde di Carpineti

Settembre e ottobre in musica al Parco Matilde di Carpineti

Ha la musica nel cuore Parco Matilde di Carpineti, che per i mesi di settembre e ottobre 2008 propone una serie di concerti di altissimo livello dedicati agli appassionati di musica. E di storia della musica.

Venerdì 19 settembre si inizia alle 22 con il Bermuda Acoustic Trio: Giorgio Buttazzo alla chitarra e voce, Gabriele Monti alla chitarra e voce e Kamsin Giordano Urzino al basso e voce hanno unito i loro talenti di musicisti dopo essere stati al fianco di artisti italiani e stranieri. Nel loro repertorio trovano spazio i grandi classici degli anni 70, 80 e 90, spaziando dal pop al rock, dal jazz al blues. Da Wish you were here dei Pink Floyda Sultans of Swing dei Dire Straits fino alla Marcia alla Turca di Mozart, senza dimenticare i brani di cantautori italiani e americani.

La settimana seguente, venerdì 26 settembre sempre alle 22 è la volta di Terra Madre, un viaggio nella musica dell’indimenticato Augusto Daolio. Lo spettacolo è un vero e proprio viaggio emozionale nella musica di Daolio, ripercorrendo le tracce lasciate in più di una generazione. Flaco Biondini (chitarrista di Guccini), Gigi Cavalli Cocchi (batterista di Ligabue e Csi), Vittorio Sonetti cantautore che vanta collaborazioni con grandi musicisti italiani ed Enzo Frassi al basso sono i Terra Madre, che sono nati nel 2007 in occasione di Valtrompia Musicart sotto la direzione artistica di Omar Pedrini.
Venerdì 10 ottobre alle 22 Alessandra Ilari alla voce e Lele Cavalli al basso si esibiscono con Snow Rose in cover di rock americano.

Sabato 18 ottobre alle 22 è la volta dei Kerava, con Cantando Faber “Dalla parte del torto”. Il gruppo è stato costituito da musicisti che coltivano da tempo il medesimo sentimento per Fabrizio De Andrè. Un’ammirazione che sconfina nell’idea di permanenza del messaggio artistico di Faber come testimonia il nome della band stessa, preso a prestito da un verso di Khorakhanè “E farò”.

Lo spettacolo propone oltre ad una serie di cover un percorso artistico articolato. Sabato 25 e domenica 26 ottobre gran finale con La maratona del sapore – Savurett: 26 ore di musica, degustazioni, stornelli, performances e filmati. In questa occasione si potrà assistere alla preparazione del Savurett, marmellata ottenuta dalla lunga bollitura (circa 26 ore appunto) del succo ottenuto dalla torchiatura delle pere spalèr con aggiunta di tocchetti di pera nobile barabàn.

L’ingresso ai concerti è gratuito.