Home Reggio Emilia L’impegno dei reggiani per rifugiati e richiedenti asilo

L’impegno dei reggiani per rifugiati e richiedenti asilo





Per sottolineare la collaborazione interistituzionale in materia di rifugiati e richiedenti asilo, gli assessori alla Solidarietà della Provincia, Marcello Stecco, e alla Sicurezza e coesione sociale del Comune di Reggio, Franco Corradini, si sono incontrati questa mattina – alla vigilia della Giornata mondiale del rifugiato che si celebra il 20 giugno – con il prefetto Bruno Pezzuto e il questore Francesco Perucatti.


Nel mondo – come drammaticamente noto, anche se spesso dimenticato – sono milioni le persone in fuga da guerre, persecuzioni, violazioni dei diritti umani, assenza di democrazia. Secondo il rapporto UNHCR (l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di rifugiati) pubblicato nel luglio 2007 e relativo al 2006, i rifugiati nel mondo sono circa 10 milioni, a cui vanno aggiunti 740.000 richiedenti asilo in attesa che la loro domanda venga esaminata. In Emilia-Romagna i richiedenti asilo e rifugiati sono 1.940, 237 dei quali vivono in provincia di Reggio Emilia grazie anche al riconoscimento dei diritti fondamentali d’asilo e di rifugiato che sono garantiti dalla Costituzione italiana (art. 10, comma 3) e dalla Dichiarazione universale dei Diritti umani.

Nel corso dell’incontro di questa mattina in Provincia gli assessori Stecco e Corradini hanno presentato il progetto “Emilia-Romagna Terra d’asilo” promosso dalla Regione Emilia-Romagna a cui aderiscono anche la Provincia e il Comune di Reggio Emilia, insieme ad enti locali, sindacati e associazionismo.

Obiettivo principale del progetto é l’individuazione delle problematiche che rendono difficoltosa l’integrazione sociale dei richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione sussidiaria e l’individuazione di soluzioni efficaci ed omogenee nel territorio regionale.

A conclusione dell’incontro gli assessori Marcello Stecco e Franco Corradini, il prefetto Bruno Pezzuto ed il questore Francesco Perucatti hanno convenuto di riprendere l’argomento nell’ambito del Consiglio territoriale per l’Immigrazione, istituito presso la Prefettura a cui siedono i maggiori rappresentanti della società reggiana, in programma per venerdì 27 giugno.