Home Bologna Telefono Blu Consumatori sulla mobilità a Bologna

Telefono Blu Consumatori sulla mobilità a Bologna





Per l’ennesima volta ci troviamo a parlare del nulla assoluto in fatto di trasporti pubblici a Bologna e Provincia. Il governo fa sapere che non ci sono 90 milioni per completare la metrotranvia, sembra che salti anche il Civis, nonostante che i mezzi siano in consegna e anche il progetto finanziato dalla Giunta precedente (quindi intoccabile!!!).


Come al solito da Imbeni in poi si è sempre parlato e basta!
A Bologna non si costruisce niente che sia uno sgravio alla comunità, si preferisce accusare i predecessori per qualsiasi cosa abbiano fatto (anche le buone) e soprattutto demolire le opere già fatte; la metropolitana di Guazzaloca era approvata ed era moderna (forse troppo per alcuni), come si poteva pensare di fare correre un treno sotterraneo a 100 all’ora senza il conducente????
Non siamo mica giapponesi, che da 40 anni fanno andare i treni senza conducenti attivi a 250 all’ora senza incidenti (nemmeno il terremoto li fa deragliare!!).
Noi siamo bolognesi e quindi dobbiamo sopportare il traffico caotico che blocca i bus ecologici, subire il grande fratello che ci perseguita quotidianamente, facendo risanare il bilancio comunale a suon di multe.
Al controllo dei semafori mettiamo dei personaggi che credono di giocare col trenino elettrico, facendo scattare il rosso in sequenza ad ogni semaforo cosicchè risultano eccessi di polveri sottili ogni giorno, oppure agli incroci facciamo passare le macchine che vanno a dritto, impedendo le svolte, così stiamo fermi almeno 5 minuti a motore acceso.

Per finire parliamo del caso di S. Lazzaro, dove ultimamente stanno restringendo tutte le strade con megamarciapiedi e con delle strettoie a vita di vespa negli incroci (i gommisti sono grati a questi tecnici per l’incremento dei loro affari), in compenso si comprano degli autobus da 18 mt. di lunghezza che si incastrano in queste trappole.
Probabilmente tutte queste innovazioni le hanno progettate assieme ad Ecclestone, perchè così potremo sperare di recuperare il gran premio di Imola a S. Lazzaro con uno splendido circuito urbano di F1.

Per finire una nota, l’ATC dichiara che non può far partire altre linee di filobus (il 14) perchè non ha i soldi per nuovi mezzi.
Ma allora tutti quelli fermi in deposito Battindarno tutti i giorni a che servono?

(Marco Morselli Telefono Blu Consumatori Bologna)