Home Mostre Musei gratis (e non solo) per le Giornate Europee del Patrimonio

Musei gratis (e non solo) per le Giornate Europee del Patrimonio





Aperture prolungate, presentazione di nuovi scavi, mostre e una miriade di visite guidate, il tutto completamente gratis. Questo è il menù preparato dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con enti locali e istituzioni culturali, in occasione delle ‘Giornate Europee del Patrimonio’, oggi e domani, con ingresso libero in tutti i musei, scavi e gallerie dello Stato.


Visite guidate gratuite al Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto -BO- (ore 10 e 16), al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara (ore 10,30) e aI Museo Archeologico di Sarsina -FC- (ore 16), che saranno eccezionalmente aperti con orario continuato dalle 9 al tardo pomeriggio così come le zone archeologiche di Russi e Classe.

Visite guidate molto “particolari” anche al Museo Civico di Stellata di Bondeno (FE) con i ragazzi della prima media che, in entrambe le giornate, faranno da cicerone alle collezioni (ore 16 e 17).

Oggi, alla zona archeologica di Ravenna Classe (ore 10), verranno presentati gli scavi recenti dei poderi Chiavichetta e Minghetti mentre alla Rocca Sanvitale di Fontanellato -PR- (ore 10,30) verrà illustrata la villa romana rinvenuta a Cannetolo. Domenica 25 visite guidate al complesso della Villa Romana di Russi -RA- (ore 15,30) e al Museo Archeologico Nazionale di Parma (ore 17).

Il Museo Civico di Medicina (BO) partecipa all’iniziativa con due mostre aperte nel week-end dalle 15 alle 18 mentre al Museo Civico Archeologico di Bazzano (BO) partirà alle 10 una visita guidata dedicata alle antiche colture nella Valle del Samoggia.

Lanciate nel 1991 dal Consiglio d’Europa, le ‘Giornate Europee del Patrimonio’ mirano ad avvicinare i cittadini europei non solo al proprio patrimonio culturale ma anche gli uni agli altri, nella speranza che una maggiore conoscenza reciproca possa superare le diversità linguistiche e culturali e accentuare la percezione d’appartenenza a radici comuni. Lo slogan scelto quest’anno è “Il Patrimonio: la cultura del vivere”.

Per info: Ministero Beni e Attività Culturali