Home Economia Protesti cambiari: in forte aumento in Emilia Romagna

Protesti cambiari: in forte aumento in Emilia Romagna

Al di là della necessaria cautela imposta dalla provvisorietà dei dati disponibili, nei primi otto mesi del 2002 i protesti cambiari levati dai tribunali dell’Emilia-Romagna hanno evidenziato una tendenza spiccatamente espansiva.

Questo andamento potrebbe sottintendere una peggiorata liquidita’, da leggere anch’essa come segnale del rallentamento congiunturale in atto.
La situazione rilevata in otto province nei primi otto mesi del 2002 e’ stata caratterizzata dalla forte crescita, rispetto all’analogo periodo del 2001, delle somme protestate (+56,7%), che si e’ associata all’aumento del 4% del numero degli effetti.
Per quanto concerne le cambiali-paghero’- tratte accettate, siamo di fronte ad un incremento del 4,3% in termini numerici e ad una crescita (+44,1%) delle somme protestate. Le tratte non accettate (non sono oggetto di pubblicazione sul bollettino dei protesti cambiari) sono aumentate anch’ esse come numero di effetti protestati (+1,6%) e di importi (+129,2%). Gli assegni sono risultati in crescita sia come numero effetti (+4%), sia in termini di importi (+53,9%)