Home Reggio Emilia Campionato Europeo UEFA Under-21: il pallone esce dagli stadi e invade piazze...

Campionato Europeo UEFA Under-21: il pallone esce dagli stadi e invade piazze e teatri

Quando il calcio esce dagli stadi e incontra l’arte, la cultura e lo spettacolo. Grandi protagonisti del mondo dello sport e del giornalismo – da Gianluca Zambrotta a Daniele Adani e Fabrizio Giovanardi, passando per Alessandro Alciato, Leo Turrini, Andrea Cordovani e Federica Lodi, con la partecipazione del comico Gianfranco Butinar – si danno appuntamento a Reggio Emilia martedì 18 giugno per una giornata tutta dedicata al gioco più bello del mondo, nei giorni del Campionato Europeo UEFA Under-21, grazie al cartellone di “La Regione scende in campo”. Con loro anche l’Orchestra regionale dell’Emilia-Romagna “Arturo Toscanini”, diretta da Giuseppe Montesano, e le opere di alcuni dei più importanti pittori del Novecento riunite per la prima volta nella mostra “L’arte del gol”.

Decine di ospiti, undici appuntamenti, otto città. Oltre a Bologna, Cesena e Reggio Emilia (città sedi delle partite), anche Modena, Ravenna, Piacenza, Sassuolo e Cattolica. La Regione, insieme ai Comuni, ha scelto di accompagnare la 22^ edizione del campionato continentale con un ricco programma, di eventi tutti gratuiti e aperti al pubblico, grazie a un vero e proprio tour itinerante che animerà piazze e teatri, permettendo al calcio di uscire dagli stadi e diventare occasione di incontro, condivisione, divertimento.

“Lo sport fa sognare e appassiona, innescando ricordi ed emozioni. Abbiamo voluto accompagnare questa edizione del Campionato Europeo UEFA Under-21 con un cartellone di grande qualità, anche culturale, in cui il calcio diventa occasione di confronto e riflessione, oltre che divertimento, come giusto che sia- sottolinea il presidente della Regione, Stefano Bonaccini-. Del resto, abbiamo fatto dello sport una delle priorità di questa Regione. Penso ai grandi eventi come strumento di promozione e valorizzazione del territorio, anche in chiave turistica, oggi gli Europei di calcio Under 21, per i quali ringrazio La Figc e l’Uefa, e solo poche settimane fa il Giro d’Italia, ma anche al sostegno che sempre come Regione abbiamo dato alla pratica sportiva di base. All’investimento senza precedenti di quasi 40 milioni di euro sul piano regionale per l’impiantistica sportiva, per la riqualificazione di palazzetti, palestre, piscine, campi da gioco e la realizzazione di nuove strutture in oltre 130 comuni, da Rimini e Piacenza. Oltre ai 5,5 milioni di euro che abbiamo destinato all’attività di polisportive e associazioni sportive, una rete, fatta soprattutto di volontari, perno della comunità regionale e che costituisce uno dei vanti dell’Emilia-Romagna”.

“Il Calcio è una grande narrazione che unisce, abbatte barriere e fa dialogare i popoli: passione, talento e tecnica, assieme a bellezza e intuizione, stupore e gioia. Questo capolavoro non può che generare arte, nelle forme più ‘classiche’, come quella figurativa e quella musicale – dice Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia – Da qui l’incontro nella nostra città, in occasione del Campionato Europeo UEFA Under-21 che ci onoriamo di ospitare, dello sport più bello del mondo con l’intrattenimento di qualità, con la grande musica nel concerto proposto dalla Orchestra regionale dell’Emilia-Romagna ‘Arturo Toscanini’ e con la pittura, la scultura, la fotografia e l’installazione nella mostra ‘L’arte del gol’ promossa da Comune, Regione e Fondazione Palazzo Magnani: artisti importanti in decine di opere che raccontano il Calcio, simbolo della contemporaneità. Così a Reggio Emilia lo sport va incontro alle persone, in una città che da sempre fa dello sport, a tutti i livelli e nelle diverse discipline, una delle sue principali ‘ragioni sociali’. Perciò l’Amministrazione comunale non smette di investire nelle strutture e nelle potenzialità educative e di crescita contenute nello sport. Reggio Emilia ospita ora, ancora una volta, il grande Calcio, convinta che le manifestazioni sportive, così come quelle culturali, siano anche veicolo di attrattività e beneficio economico e turistico per il territorio. Di questa importante opportunità, siamo grati a Uefa, Figc, Regione Emilia-Romagna, con cui collaboriamo per la riuscita di questi eventi avvincenti”.

Una giornata tutta dedicata al pallone con giochi e animazioni, talk show e grande musica: dalle 18.30 alle 23 in Piazza Prampolini a Reggio Emilia

Appuntamento dunque martedì 18 giugno in Piazza Prampolini dove dalle 18,30 sul palco saliranno Gianluca Zambrotta, uno dei più forti terzini che il calcio italiano abbia avuto, tra gli “eroi” dei Mondiali 2006; l’ex pilota di Formula 1 Fabrizio Giovanardi; Daniele Adani, un passato sui campi da gioco, un presente da attento opinionista televisivo. E ancora, firme del giornalismo sportivo come Leo Turrini, Alessandro Alciato e Andrea Cordovani. A guidare il dibattitto Federica Lodi, con la partecipazione del comico Gianfranco Butinar.

A completare il cartellone, alle 21,30 – sempre in piazza Prampolini – il concerto “Musica per cinema e sport” dell’Orchestra regionale Arturo Toscanini, diretta da Giuseppe Montesano, con Andrea Scaffardi clarinetto solista.

 

La mostra “L’arte del Gol” e tanti altri appuntamenti da non mancare

Il calcio può diventare anche fonte di ispirazione artistica. Lo confermano le tante opere di artisti famosi che hanno voluto reinterpretare questo sport. Sessanta di queste saranno esposte a Reggio Emilia dal 19 giugno all’8 settembre ai Chiostri di San Domenico nella mostra “L’arte del gol. Pittura, scultura, fotografia e il gioco più bello del mondo”, promossa dalla Regione Emilia-Romagna e realizzata in collaborazione con Comune di Reggio Emilia e Fondazione Palazzo Magnani. La rassegna – la cui inaugurazione sarà alle ore 18 dello stesso 18 giugno – è a cura di Luca Beatrice e si propone di mettere in luce le inedite connessioni tra mondo creativo e mondo sportivo dalla fine dell’Ottocento alla contemporaneità. Tra i lavori esposti, quelli di Fortunato Depero, Renato Guttuso, Mario Schifano, Maurizio Cattelan – per ricordare solo alcuni nomi – dal Futurismo fino ai giorni nostri.

Un altro dei tanti appuntamenti che dal 14 al 24 giugno arricchiranno il cartellone de “La Regione scende in campo”, che prevede tappe a: Bologna il 14 e il 20 giugno, Modena il 15, Ravenna il 16 e il 19. E poi ancora Cesena il 19, Sassuolo il 20, Piacenza il 21 e il 22, Cattolica il 24.

Tanti i protagonisti, da Billy Costacurta a Matteo Marani; da Javier Zanetti ad Arrigo Sacchi, a Eraldo Pecci. Passando per Paolo Condò, Riccardo Cucchi, Antonio Cabrini, Martina Colombari.

E ancora, le storie di e attorno al pallone, e non solo. Quelle di Federico Buffa: a Bologna il 14 con “Italia Mundial” sugli indimenticabili Mondiali di Spagna dell’82, e il 20 con “Esta noche juega El Trinche”, dedicato a Tomas Felipe Carlovich, un calciatore della seconda divisione argentina tra anni 60 e 70, entrato nella leggenda. Uno spettacolo originale, in programma anche a Piacenza e Cattolica il 22 e il 24 giugno, che sarà messo in scena per la prima volta. O di Gianfelice Facchetti con “Eravamo quasi in cielo” (a Ravenna il 19 giugno) sull’epica vittoria nel campionato di guerra 1943-44 della squadra dei Vigili del Fuoco di La Spezia contro il grande Torino di Valentino Mazzola. Per finire con “Ondina Valla, oltre ogni ostacolo”, il testo di Lisa Capaccioli che rievoca la vicenda della dell’atleta bolognese, prima donna che vinse l’oro olimpico, nel 1936 ai Giochi di Berlino, negli 80 metri a ostacoli: il 20 giugno alla Palazzina Ducale di Casiglia a Sassuolo, con Lorenza Fantoni.

Tutti gli appuntamenti: https://www.regione.emilia-romagna.it/eurounder21